rassegna

Iran : il popolo si ribella al regime repubblicano teocratico, i giovani guardano al principe Reza Pahlavi come il loro leader

Nei giorni scorsi in Iran sono scoppiate numerose rivolte spontanee contro il regime repubblicano teocratico che hanno portato alla morte almeno 21 manifestanti e ad oltre 500 arresti.
 
L’uccisione dei dimostranti ha scatenato la rabbia della popolazione in molte città. A Khorramabad la folla ha assaltato il tribunale e lo hanno incendiato. In altri video si sentono manifestanti gridare “Ucciderò chiunque uccide i miei fratelli”, “Morte al dittatore”, “Morte a Khamenei” o anche “Conservatori, riformisti, siete tutti uguali”.
 

EMA - La Unione Europea si affida alla sorte e l’Italia è sempre di serie B

Il meccanismo che ha portato l’Agenzia del farmaco (EMA) ad Amsterdam mette in luce cosa sia la UE, una enorme burocrazia oligarchica che, per paura e incapacità, si affida addirittura alla sorte invece di compiere delle scelte, continuando così a perdere credibilità, già dissipata da diversi anni.
 

Black Friday - La giornata della religione consumistica e globalista

Il Black Friday ("venerdì nero" in italiano), nato negli Stati Uniti, cade il giorno successivo al Giorno del ringraziamento, che tradizionalmente dà inizio alla stagione degli acquisti natalizi.
E’  un giorno non festivo ma importante dal punto di vista commerciale poiché le grandi catene fanno a gara nell’offrire promozioni al fine di incrementare le proprie vendite. 
 

Il declino dell'Italia : politica società e calcio

L’Italia non parteciperà ai Mondiali di Calcio 2018 che si svolgeranno in Russia nel prossimo giugno.
La delusione della eliminazione è grande, in Italia il calcio è molto popolare, senza dimenticare il fanatismo che alle volte è patologico.
Per questa disfatta calcistica non ha senso scaricare la colpa all’allenatore ed ai giocatori, ma si deve capire che è il risultato di un sistema calcistico che non funziona.
 

La popolarità di Re Felipe cresce dopo il golpe dei partiti separatisti in Catalogna

5 novembre, 2017
 
Secondo un sondaggio di Sociometrica, commissariato dal giornale El Espanol, condotto tra il 27 ottobre e il 3 novembre  - cioè tra la proclamazione della repubblica catalana e l’arresto di alcuni  membri del governo catalano – Re Felipe VI ha aumentato la sua popolarità, riportando la Monarchia a livelli di gradimento che non raggiungeva da più di 20 anni.
 

I Belgi preferiscono la Monarchia alla repubblica

La agenzia demoscopica IVOX,  commissionata da programma televisivo "Place Royale" della televisione belga RTL, ha condotto un sondaggio sulla Monarchia in Belgio.
 
Il sondaggio si è svolto tra il 12 e il 14 settembre 2017 su un campione di 1000 belgi,  rappresentativo della popolazione del Belgio, ed i risultati indicano che la maggior parte della popolazione non vuole la repubblica ma preferisce la Monarchia. Il margine di errore è del 3,02%. 

Pagine