Aggregatore di feed

Opinioni Monarchiche: Anche in Italia una operazione Macron!

Italia Reale Stella e Corona di Biella - Lun, 03/09/2018 - 22:14
Opinioni Monarchiche: Anche in Italia una operazione Macron!: Anche in Italia una operazione Macron! Gli italiani si faranno abbindolare dall'Europa? Fate attenzione, anche in Italia, assi...

Anche in Italia una operazione Macron!

Opinioni monarchiche - Lun, 03/09/2018 - 22:13

Anche in Italia una operazione Macron!Gli italiani si faranno abbindolare dall'Europa?
Fate attenzione, anche in Italia, assistiamo da alcune settimane - senza quasi renderci conto di quanto sta succedendo - allo svolgersi di una grossa operazione mediatica in favore dell’ Unione Europea e dell’Establishment europeista.Dopo i primi provvedimenti dell’attuale governo, appare chiaro che coloro che traevano interessi dalle precedenti politiche filo mondialiste, europeiste e neoliberiste, sono ormai presi dal panico.Se la situazione italiana, facendo da apripista, dovesse accendere la miccia dei vari movimenti anti europei, arrivando ad un accordo generale tra loro prima di andare al rinnovo del Parlamento europeo, la situazione per l’Unione potrebbe davvero farsi critica. Chiaramente gli interessi in gioco sono tanti e forti, da giustificare il tentativo di ripetere ciò che in Francia s’è fatto con Emmanuel Macron… Prendi uno sconosciuto a controllo remoto, e lo “pompi” a beniamino assoluto a reti unificate, mentre si sparge abbondante merda (scusate il francesismo) sugli avversari (Di Maio e Salvini in primis) ventiquattr’ore su ventiquattro, domenica compresa! Prima o poi qualche cosa succede!

Avete capito di chi sto parlando? Se non pensate solo al campionato di calcio, l’avete già capito: parlo naturalmente di Antonio Tajani!Si proprio dell’attuale Presidente del parlamento europeo, 61 anni, faccia pacioccona, toni moderatissssimi… praticamente un Prodi 2. Evidentemente uomo di assoluta fiducia della Commissione Europea, e dalla quale deve aver ricevuto incarico di “intercettare” e se possibile accaparrarsi il consenso elettorale degli italiani al prossimo appuntamento elettorale europeo …e non solo.Perché lui? Perché ogni altro politico oggi all’opposizione dell’attuale governo non ha nessuna possibilità di riuscire nell’impresa necessaria: Abbattere l’esecutivo Conte e riportare l’Italia nel gregge europeo ed europeista senza danni. È presto detto: Liberi e Uguali di Grasso e Boldrini, contano come il due di picche, e le ceneri fumanti del Pd avranno bisogno di anni per raffreddarsi. Giorgia Meloni, pur stando fuori dal governo, è vista dall’Europa come un piccolo Orban, e allora non resta che Forza Italia. Ma Silvio Berlusconi è impresentabile a prescindere come Renzi. Esaurito il suo compito di impedire al Centro Destra di stravincere le elezioni politiche del 4 marzo scorso come era più che prevedibile, non serve più a nulla! A Bruxelles non perdono tempo, e stanno già lavorando sul prossimo obiettivo: creare una figura non compromessa, poco conosciuta, che ripetendo a pappagallo alcuni punti obiettivamente "sensibili"(vedi la crescita, la riduzione del debito pubblico, la salvaguardia dei risparmi degli italiani ecc.) possa far invertire la rotta attuale e riportare in acque controllate la nave Italia, mettendo fine ad ogni possibile idea di cambiamento.Marine Le Pen, designata a vincere contro la vecchia guardia della politica nazionale francese, è stata sgambettata sul traguardo da uno sconosciuto, l'utile idiota dei poteri forti. A distanza di soli 15 mesi dalla sua elezione, il suo indice di gradimento è calato dal 64% post elezioni al 36%... ma ormai la frittata è fatta. La dittatura europea ha dimostrato di saper giocare, e molto bene le sue carte a sua salvaguardia. Sarà così anche in Italia? Questa sera alle 19.30 circa su TGCOM24, quotidiano di News Mediaset, Antonio Tajani intervistato sulla possibile manovra finanziaria del governo in carica, ha tenuto un monologo di quasi 5 minuti ininterrotti senza un contradditorio, sparando a zero sull'esecutivo e facendo terrorismo informativo.Ora, se gli italiani si faranno abbindolare da costui e dall'Europa, non sarà perché desiderano tornare a farsi prendere in giro come negli ultimi 5 anni, ma solo perché i media tutti, saranno riusciti a confonderli. Il tallone d'Achille della Democrazia infatti, è ubicato nell'informazione malata e guidata, non solo in Italia ma in tutto l'occidente. Riuscirà questo governo ad opporsi sufficientemente a ciò? 
Alberto Conterio - 03.09.2018

COMUNICATO STAMPA

Italia Reale Stella e Corona di Biella - Mar, 21/08/2018 - 09:14
ITALIA   REALE  -  Stella e Coronaufficio stampa nazionale italiareale@gmail.com  ; sito nazionale www. italiareale-stellaecorona.it ; Casella postale 937-16100Genova

COMUNICATO STAMPA
Apprendiamo dalla stampa che il Rettore del Santuario di Vicoforte, fatto edificare dal Duca Carlo Emanuele I di Savoia, è stato nominato Cavaliere dell'ordine militare della Repubblica Italiana. Siamo sicuri che l'On. Mattarella, nella Sua Qualità, sia stato mosso da intenti riconciliativi e pacificatori che, però, non sono stati quelli del Rettore Meo Bessone che,al contrario, in occasione del rimpatrio delle salme del Re Vittorio Emanuele III e della Regina Elena, non ha perso occasione per organizzare un rientro-oblio dei nostri Sovrani. Ha continuato a seminare divisioni settarie ed a diffondere pregiudizi. Ripugnano le ultime dichiarazioni che confinano ad un ruolo di semplice curiosità storica i Sovrani , nascosti ai fedeli che vorrebbero pregare anche per loro. Non un'indicazione, non una candela da poter accendere, pesanti grate che impediscono ai fedeli di onorare la Regina Elena, proclamata "Serva di Dio" nel 2001, come primo scalino per la "Beatificazione". Non vi è, in tal senso, alcuna iscrizione sulla tomba. E' stato oltraggiato il "gagliardetto Reale", calpestato dal Rettore Cavaliere, così come le bandiere tricolori del Regno. Quelle bandiere che le formazioni partigiane monarchiche, proprio in provincia di Cuneo, hanno difeso a costo della morte :Ricordiamo gli eroismi dei monarchici Martini Mauri, del Maggiore Martelli, del Tenente Paglieri,del Generale Perotti, di Cordero di Pamparato, di Giuseppe Cordero di Montezemolo, di Curreno di Santa Margherita. Che dire dei sacrifici sofferti dai deportati nei campi della morte tedeschi (tra questi la stessa figlia del Re, la Principessa Mafalda) tutti onorarono quelle bandiere ,per rimanere fedeli al Re, sperando in una libertà futura. Questa libertà non è certo quella esaltata dal Rettore Cavaliere nell'omelia di domenica 28 luglio, riferendosi ad un sistema, consolidatosi in questa repubblica che avrebbe dato agli Italiani "in questi 70 anni" tutto ciò di cui  avevano bisogno. Ci limitiamo a sottolineare il clima da basso impero che viviamo in questa società che sembra aver istituzionalizzato la RAPPRESENTAZIONE BUONISTA DEL MALE, con tutte le conseguenze nei vari settori (famiglia, scuola, giustizia, lavoro) Non serve impedire ai simboli monarchici di avvicinarsi alle Tombe Reali, così come non serve allontanare i gruppi di fedeli, sbattendo loro la porta della Chiesa in faccia, come accaduto. Nello stesso giorno la stampa dava notizia della presentazione del libro di Aldo Mola in difesa della Massoneria. Dopo la nomina A Cavaliere ci aspettiamo quella a "maestro venerabile". Non si sa mai, nella vita tutto può accadere.
L'addetto stampa Pier Francesco Gaviglio Rouby.  

Quando tacere sarebbe una concreta e apprezzata manifestazione di buon senso

Opinioni monarchiche - Gio, 19/07/2018 - 21:47

Opposizione: persa anche la vergogna e la dignitàQuando tacere sarebbe una concreta e apprezzata manifestazione di buon senso
Desidero essere ironico su un argomento serio, anzi molto serio, cercando di renderVi partecipi della rabbia per provo quando ogni giorno siamo testimoni delle ingerenze, delle intimidazioni, delle minacce anche, degne della peggiore mafia nei confronti dell’azione del nuovo governo Conte.

Le innumerevoli voci che fin da subito hanno cominciato ad agitarsi contro Salvini o Di Maio, per contrastare i loro primi provvedimenti, mi infastidiscono quanto il latrare dei cani in una notte estiva, quando si cerca di estraniarsi dalla calura dell’ambiente e dai pensieri quotidiani per chiudere occhio e addormentarsi. Fastidiosissime queste “voci”, come le zanzare, vanno ben oltre la necessaria opposizione politica ad un governo. Siamo infatti abituati all’opposizione.L’opposizione urlata della sinistra, delle piazze, dei sindacati, degli antagonisti, contro i governi conservatori e di destra, così come siamo abituati in questi ultimi anni all’opposizione sterile e ridicola di “personaggi” come Renato Brunetta o la “pitonessa” Daniela Santanchè, fatta di inutili appelli ad un “popolo” - che non conoscono - contro i governi  della finta sinistra che hanno svolto magnificamente i programmi del liberismo più frenato tanto amato dal primo Berlusconi del 1994.Come ho scritto, questa opposizione però, va ben oltre. Normalmente le opposizioni possono contare su qualche organo di stampa. Alcuni giornali, qualche rete tivvù, qualche sito o blog in rete! Questa “opposizione” invece può contare su tutto. Giornali, periodici, tivvù, radio, internet, opinionisti, giornalisti, presidenti e lacchè delle maggiori organizzazioni, istituzioni o associazioni, …anche della Chiesa Cattolica. È un diluvio universale che si abbatte senza sosta ormai da oltre un mese contro “l’arca” del governo Conte.Ha protestato sguaiatamente Boccia di Confindustria, è ha preso posizione il Comitato Episcopale italiano.Continua a divertirci Boeri dell’Inps con la fiaba dei clandestini che pagano la pensioni agli italiani, così come Patuelli presidente dell’Associazione Bancaria italiana, che vorrebbe continuare a speculare in borsa indisturbato, garantito però dai soldi dei risparmiatori. Poi viene Saviano, da Nuova York e tutta una serie di “artisti” falliti… come l’ex Deputata e “Onorevole” Ilona Staller, in arte Cicciolina. Ricordate? Si pure Lei ha protestato contro il taglio dei vitalizi, al pari del Pd e di Forza Italia!  Stamane però ho avuto la sorpresa di apprendere che anche Fabio Cairoli, presidente di Lottomatica Holding ha avuto da dire circa il divieto di pubblicizzare il gioco d’azzardo… Desidero spiegarmi bene perché tutti possano comprendere il mio stato d’animo: costui, uno dei beneficiari del suo settore, al quale i governi Monti e Letta hanno condonato decine di miliardi di imposte da pagare, ha avuto il coraggio di asserire che Lottomatica ha bisogno della pubblicità per mantenere alti i suoi introiti. Posso immaginare che lavorando per una società, che fa dell’inganno e del furto di denari altrui la sua missione, non abbia mai avuto una dignità sua, ma in caso contrario è evidente che Cairoli, deve aver perso anche la vergogna e con essa la buona creanza di tacere.Come ho detto in apertura, sdrammatizziamo concludendo con ironia: quando frequentavo le scuole elementari negli anni ’70 a Torino, era normale che i ragazzini durante le lezioni, ricevessero la visita di “delegazioni” di funzionari della San Paolo (istituti bancario torinese) che regalavano libretti di risparmio nominativi con un versamento iniziale di 1000 lire, per avviare gli stessi alla buona abitudine del risparmio; oggi, dobbiamo aspettarci che i nostri ragazzini ricevano prima o poi la visita di qualche galoppino di Lottomatica, per regalare schedine precompilate del superenalotto utili ad avviare questi poveri bambini sulla strada senza ritorno del gioco d’azzardo?Vergognatevi, …ipocriti senza dignità, maledetti da Dio e dagli uomini!
Alberto Conterio  - 19.07.2018

Elezioni Comunali 2018

Italia Reale Stella e Corona di Biella - Lun, 11/06/2018 - 20:58
Elezioni Comunali 2018

San Damiano al Colle : ITALIA REALE 4,5 % voti 

Eletti tre consiglieri :
Giancarla Vicentini,
Sergio Imondi,
Fabio Miotti.

Bravi e congratulazioni al Segretario Regionale per le attività politiche della Lombardia Silvio Caleffi.

L'annuale vergogna della repubblica in parata

Opinioni monarchiche - Sab, 02/06/2018 - 23:41

L'annuale vergogna della repubblica in parataUn 2 giugno da ricordare?
Stamane mi sono destato di buon'ora. Dopo colazione, ho preso la bandiera che arricchisce il mio studio, e l'ho sistemata con riguardo, bene in mostra sul balcone di casa... la leggera brezza mattutina, la pigramente gonfiata. Lo Stemma Sabaudo faceva la sua solita magnifica figura! Questo per me è il 2 giugno ordinario, quando, più per dispetto alla repubblica, che per devozione a Casa Savoia, sento la necessità morale e anche fisica di esporre la bandiera italiana. La bandiera italiana, non quella della repubblica!

Sono Monarchico da sempre e non l’ho mai nascosto a nessuno. Non faccio quindi fatica a scrivere che il due giugno del 1946 rappresenta per me e per i valori di Patria che mi accompagnano, il giorno più buio della nostra storia unitaria.L’amaro calice della retorica che accompagna l’annuale commemorazione, è negli ultimi anni reso ancora più indigesto da ciò viene definita "parata militare". Un tempo riuscivo anche a guardarla, sopportando.Da anni ormai evito questo triste spettacolo:  come ex Ufficiale in congedo del nostro Esercito fa male al cuore dover assistere al penoso "andazzo" dei reparti militari, somigliante più al claudicante incedere dei mercenari ubriachi di rinascimentale memoria. Non è un degrado imputabile alla professionalità e all’addestramento dei nostri magnifici reparti, al contrario. Questo incedere scomposto dipenda dalla scelta di far sfilare un numero esiguo di militari, quindi, in ordine troppo aperto per poter mantenere una formazione "quadrata" come si conviene a delle forze armate degne di questo nome, rappresentanti un Paese con una Storia e una Tradizione militare che trae le sue più antiche origini nelle invincibili legioni romane.Chi non ha avuto esperienza personale di ciò, non può comprendere l'amarezza di vedere uno spettacolo così penoso. Chi invece, ha avuto l’onore e l’orgoglio di servire in armi la Patria , sa bene che solo il contatto gomito a gomito e la minima distanza tra militari delle diverse file che compongono un inquadramento che si muove al passo, può garantire l’esatto allineamento ortogonale e quindi una aspetto visivo perfetto e marziale dello stesso!Lo spettacolo del 2 giugno, negli ultimi invece, lascia non solo parecchio a desiderare, ma anche l’amaro in bocca. Sembra ormai di assistere al passaggio dell’esercito della salvezza, o al raduno provinciale degli Scout. Quest'anno poi, siamo andati oltre... Hanno "sfilato" Sindaci con la sciarpa tricolore come un branco di pecore al pascolo,associazioni varie, ed altro ancora. Una vera fiera paesana!Poi, l'insulto di vedere sfilare i reparti storici con le divise e le insegne taroccate, censurate. Epurate dei simboli monarchici dai gradi, dalle mostrine ecc.. I commentatori , che dovrebbero essere allontanati dal nostro Paese a vita per l'ignoranza dimostrata, hanno avuto il coraggio di annunciare "le bandiere dei reggimenti storici"... peccato che quelle bandiere di storico non avevano nulla... erano semplici stracci della repubblica. Sono così riusciti a falsificare la storia per non offendere la repubblica e contemporaneamente ad insultare tutti coloro che hanno combattuto e sono morti gridando Savoia!!! La rabbia irrefrenabile mi ha fatto venire in mente i tagliagole dell'ISIS, che alcuni anni fa, al culmine della loro arroganza criminale, demolivano i monumenti storici con la dinamite per occultare il tempo prima di Maometto. Ricordate?Ecco una immagine nuova di questa repubblichetta da avanspettacolo... Istituzioni con lo stesso modo di pensare e agire dell'ISIS! E sarà per questo forse, che siamo così accoglienti con i clandestini musulmani! Concludo fotografando l'insopportabile visione del Senatore Mattarella e del suo codazzo di lacchè che negli anni hanno fatto "grande" questa repubblica del malaffare... osannato da una informazione di regime così edulcorata da far rimpiangere il MinCulPol del ventennio. L'eroe "che è riuscito a darci un governo dopo due mesi di lavoro" è stato affermato... a reti unificate, Mediaset più della Rai. Veramente uno spettacolo ignobile di bassa propaganda ideologica. E mi fermo qui per evitare d'essere denunziato! Purtroppo la maggioranza quasi assoluta della gente presente e dei telespettatori, ha applaudito soddisfatta. Gente lobotomizzata da decenni di bugie, inganni e falsità, che non si accorge più di nulla perché "creata" così, senza memoria storica. Come coloro che avevano promosso la modifica della Costituzione nel 2016, senza riuscirci, e che in questi giorni hanno manifestato "in sua difesa". Senza memoria quindi... da applauso!!!E allora applaudiamo con ironia , sperando che il prossimo anno non si faccia sfilare assieme al bestiario visto oggi i colorati rappresentanti del Gay Pride! Lato positivo? Uno soltanto: non aver più dovuto sopportare la vista di Grasso e Boldrini con i loro ghigni insultanti! Voto finale: 4 per la coreografia, 3 in esecuzione, 9 e mezzo per la propaganda! Viva la repubblica!!!
Alberto Conterio - 02.06.2018

Frazione Balma: Contro la festa della truffa e dell'inganno

Italia Reale Stella e Corona di Biella - Sab, 02/06/2018 - 09:06
Frazione Balma: Contro la festa della truffa e dell'inganno: Per combattere ogni truffa e ogni inganno, ricordare il 2 giugno 1946 è un dovere morale per ogni vero italiano. Quindi l'augurio che...

Frazione Balma: Contro la festa della truffa e dell'inganno

Opinioni monarchiche - Sab, 02/06/2018 - 09:06
Frazione Balma: Contro la festa della truffa e dell'inganno: Per combattere ogni truffa e ogni inganno, ricordare il 2 giugno 1946 è un dovere morale per ogni vero italiano. Quindi l'augurio che...

Qualcosa di immensamente positivo ed attuale

Opinioni monarchiche - Mer, 30/05/2018 - 21:54

Monarchica oggiQualcosa di immensamente positivo ed attuale
L’occasione del matrimonio di Harry e Meghan del 19 maggio scorso, ci fornisce una magnifica occasione per parlare non tanto di Monarchia, quanto piuttosto di monarchici.
Non c’è dubbio che in Italia sia assai difficile essere monarchici. Per tanti motivi, pregiudizi e incomprensioni. Ma contrariamente a quel che si può credere, il nemico principale del monarchico oggi, non è il regime repubblicano o le persone che si definiscono o si sentono repubblicane. Costoro sono per lo più persone inconsapevolmente repubblicane. Vivono la realtà che hanno sempre vissuto senza aver avuto notizia di una realtà alternativa. Sono persone che accettano ciò senza fiatare per ignoranza quindi, perché continuamente spinti avanti a suon di slogan come un gregge dalla propaganda. 

Il vero nemico del monarchico è stato, e sarà sempre il monarchico stesso, o meglio di colui che si definisce monarchico. Una persona che con le sue azioni, le sue parole ed il suo stile di vita, arriva a storicizzare il concetto stesso di Monarchia. Lo si è visto mirabilmente impegnato nell’affossare ciò che restava dell’orgoglio monarchico nazionale alla recente traslazione delle salme dei nostri amati Sovrani a Vicoforte, Vittorio Emanuele III ed Elena di Savoia, per un giorno di notorietà.Rppresentanti di una Monarchia legata alla commemorazione del passato, che si illudono, o cercano di illuderci di attualizzarla, presentando la Monarchia come ad un insieme di fatti, notizie e pettegolezzi appartenenti al gossip dei rotocalchi. Amano farsi fotografare con il pennacchio a pranzi, matrimoni e gran balli.
Ecco perché quest’ultimo matrimonio “Reale” è stato un’ottima occasione per smascherare ciò, perché ci ha parlato certamente di gossip, ha mostrato lustrini e cappellini, ha evidenziato una pletora di ipocriti a caccia della notorietà che un invito rappresentava, ma ha anche mostrato a tutto il mondo che la Monarchia, nei Paesi in cui è presente, è anche saldamente legata alle realtà popolari, operaie, contadine e piccolo borghesi.
Erano questi i veri monarchici d’Inghilterra, quelli seduti sui prati, quelli con il cestino da pic nic spalmati di crema solare per non bruciarsi al sole, in attesa di poter guardare per una manciata di secondi la nuova coppia principesca in transito sulla carrozza, nella speranza forse, di poter incrociare il loro sguardo per qualche istante! Sono costoro le fondamenta incrollabili della Monarchia britannica. Una realtà che ogni giorno ramifica e si rafforza nei mercatini rionali, nelle scuole, nelle fabbriche, alla guida dei mezzi pubblici, negli uffici e negli ospedali.
Qualcosa di immensamente positivo ed attuale, tutto il contrario del popolo “monarchico” italiano, in costante calo numerico per infiniti motivi, ma anche e soprattutto a mio parere perché  partecipante al più a qualche salotto bene, ai caffè del centro, alle Sante Messe comandate o ai convegni. Tutte manifestazione, sempre più scelte non sulla base di una idea comune, ma sulla base ad una particolarità d’appartenenza a questo o a quel Principe, a questo o a quel gruppo o organizzazione.È chiaro che presto verremo rinchiusi nei musei di sociologia, e neppure nelle sale principali, ma negli scaffali fuori visita.Non andiamo da nessuna parte in questo modo, perché la gente in questo mondo che cambia ha comunque bisogno di punti di riferimento, e “per fortuna” non sa che farsene delle nostre beghe!
Alberto Conterio - 22.05.2018

CAOS POLITICO MAI VISTO: LA FINE DI UN SISTEMA

Italia Reale Stella e Corona di Biella - Mer, 30/05/2018 - 21:48
Comunicato Stampa 


CAOS POLITICO MAI VISTO: LA FINE DI UN SISTEMA

La Direzione Nazionale di Italia Reale, udite le relazioni del Presidente Nazionale Avv.Massimo Mallucci e del Segretario Nazionale Dott. Angelo Novellino, ha approvato il seguente comunicato stampa, del quale si chiede la massima diffusione:
1) per quanto riguarda gli scontri tra il Capo dello Stato e la classe politica, i monarchici di Italia Reale ricordano il pensiero e gli insegnamenti dell'indimenticabile costituzionalista Prof. Fausto Cuocolo: "il Presidente della Repubblica ha un ristretto margine di discrezionalità nella scelta del Presidente del Consiglio (mentre non ne ha alcuno nella scelta dei Ministri, formalmente demandata al Presidente del Consiglio), proprio perché Egli dovrà tenere, nel debito conto, le indicazioni che gli vengono date  da parte di coloro che sono gli interpreti della volontà e degli orientamenti del Paese e delle forze politiche rappresentate in Parlamento".
2) i monarchici di Italia Reale esprimono forti dubbi che tra gli obblighi costituzionali vi siano il rispetto da parte dell'Italia dei vincoli europei, euro compreso: il tutto imposto al popolo senza possibilità di scelta.
3) la tutela dei risparmi non viene senz'altro garantita dalle banche centrali e dagli affaristi che speculano sulla crisi italiana.
4) i padroni della politica che hanno costruito una democrazia senza popolo, con sistemi elettorali che hanno privato gli elettori della completa sovranità di scelta si trovano, ora, a fare i conti con un sistema asfittico che non ha più nulla da dire agli italiani.5) i monarchici di Italia Reale ribadiscono con forza la necessità di eleggere, al più presto, una Assemblea Costituente che possa ripensare l'attuale assetto politico-statuale per costruire un'Italia migliore. 
l'addetto stampa Pier Francesco Gaviglio Rouby de Cals